Arbitro per le Controversie Finanziarie

È iniziata l’attività dell’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF), costituito presso la Consob.

CONSOB – Delibera n. 19602, 4 maggio 2016 – Istituzione dell’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) e adozione del regolamento di attuazione dell’articolo 2, commi 5-bis e 5-ter, del decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179.

www.acf.consob.it

Dal 9 gennaio 2017 è operativo l’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF), il nuovo organismo di risoluzione extragiudiziale delle controversie istituito dalla Consob.

All’ACF possono essere sottoposte tutte le controversie di importo non superiore a 500.000 euro riguardanti la violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza cui sono tenuti gli intermediari (banche, società di intermediazione mobiliare, società di gestione del risparmio ecc.) nella prestazione dei servizi e attività di investimento e gestione collettiva del risparmio (acquisto e vendita di azioni e obbligazioni, gestione di portafogli di investimento, consulenza ecc.).

Possono rivolgersi all’ACF tutti i risparmiatori (investitori classificati come “cliente al dettaglio”), a condizione che abbiano presentato reclamo all’intermediario da almeno sessanta giorni senza ricevere risposta o che il reclamo sia stato respinto.

A decorrere dal 9 gennaio 2017 la Camera di Conciliazione e Arbitrato presso la Consob ha cessato le proprie funzioni; sempre da tale data l’Ombudsman-Giurì Bancario non accoglie più ricorsi e dopo aver gestito i ricorsi ricevuti precedentemente cesserà la propria attività.

Gruppo Mondadori | Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. - P.Iva 05877160159 | Cookie policy e privacy