Area Costituzione

Che cos’è la Costituzione?

La Costituzione italiana rappresenta la nostra fonte normativa più importante, poiché tutte le altre fonti del diritto devono rispettarne i princìpi.

All’interno della nostra Costituzione sono descritti i princìpi fondamentali che regolano la vita dei cittadini, i diritti, i doveri, le libertà, oltre alla struttura e al funzionamento degli organi più importanti dello Stato.

PRIMARIA

“Il viaggio per diventare bravi cittadini è lungo, potremmo dire che è lungo quanto la nostra vita. Ogni giorno siamo messi alla prova e scegliamo parole e comportamenti, che possono essere rispettosi o non rispettosi delle regole del nostro Stato. Il punto di partenza è conoscere queste regole, che sono scritte nella Costituzione.” Anna Sarfatti

Parlare di cittadinanza attiva con i bambini è importante perché pur essendo a tutti gli effetti cittadini, non ne sono del tutto consapevoli. È utile, dunque, aiutare la crescita della loro consapevolezza con degli strumenti e dei percorsi mirati.

Una Costituzione piena di bambini è il volume di Anna Sarfatti scritto per Rizzoli Education in occasione del 70° anniversario della Costituzione, che contiene gli articoli della nostra legge più importante, spiegati, commentati e corredati da attività laboratoriali e filastrocche, per affrontare in forma giocosa contenuti davvero importanti.

Nella pagina dedicata al libro per la Primaria, troverai: gli articoli della Costituzione, le schede di Cittadinanza attiva su diversi temi (come il bullismo o il rispetto per l’ambiente), il video e le slide dell’intervento dell’autrice alla prima edizione del Primaria Live.

Per saperne di più
Scopri di più al link www.rizzolieducation.it/risorse/una-costituzione-piena-di-bambini

SECONDARIA DI 1° GRADO

Primi passi

Non solo l’Italia ha una Costituzione, ma quasi tutti gli Stati moderni sono dotati di una legge fondamentale. Sotto l’aspetto formale, gli Stati moderni hanno Costituzioni scritte, poiché questa modalità consente di conoscerne più facilmente i contenuti. In alcuni Stati, che hanno una diversa tradizione giuridica, la legge fondamentale non è scritta in un unico testo, ma discende da fonti non scritte. Ciò significa che le norme costituzionali derivano da norme consuetudinarie e da vecchi testi a mano a mano adattati ai tempi. Hanno Costituzioni scritte quasi tutti gli Stati moderni, tra cui Italia, Francia, Germania, Paesi Bassi ecc., mentre gli esempi di Costituzioni non scritte sono, molto pochi.

La Costituzione è composta da 139 articoli e XVIII Disposizioni transitorie e finali: il testo costituzionale, in verità, non è più esattamente quello entrato in vigore nel 1948, in quanto sono state apportate diverse modifiche per adeguarlo alla nuova realtà sociale e politica e sono stati abrogati alcuni articoli (artt. 115, 124, 128, 129, 130), ma la numerazione è rimasta invariata.

La Costituzione è distinta in due parti:

  • Diritti e doveri dei cittadini e
  • Ordinamento della Repubblica,

precedute dai Princìpi fondamentali e seguite dalle Disposizioni transitorie e finali.

Per saperne di più
Acquista il volume di Educazione civica e ambientale per la scuola secondaria di primo grado
Acquista il volume di Educazione civica e ambientale per la scuola secondaria di secondo grado
Trovi tutti gli articoli della Costituzione, in italiano e in alcune lingue straniere, sul sito del Senato della Repubblica al link www.senato.it/1024

SECONDARIA DI  2° GRADO

Con l’istituzione dell’insegnamento trasversale dell’Educazione civica, la scuola torna a essere non solo luogo di apprendimento in senso stretto, ma anche spazio di educazione alla vita sociale e comune e di formazione di cittadini consapevoli e attivi.

L’anno scolastico 2020/2021 sarà a tutti gli effetti un laboratorio: per la definizione e la creazione dei curriculi; per l’identificazione in ciascun istituto dei docenti cui affidare l’insegnamento di Educazione civica e di quelli con compiti di coordinamento; per l’individuazione delle risorse da mettere in campo.

Abbiamo riassunto per punti tutto ciò che è necessario sapere per attivare l’insegnamento dell’Educazione civica nella scuola secondaria di secondo grado.

Le fonti per l’insegnamento dell’Educazione civica

La legge 92 del 20 agosto 2019, entrata in vigore il 1° settembre 2020, ha reintrodotto lo studio dell’Educazione civica in tutti gli ordini e i gradi di scuola.

● Con il Decreto ministeriale n. 35 del 22 giugno 2020 sono state emanate le Linee guida per l’Educazione civica, in modo da favorire una corretta attuazione della legge e la conseguente revisione dei curricoli di istituto.

Elementi essenziali – legge 92/2019

Finalità (art. 2, co. 1)
Le istituzioni scolastiche devono promuovere l’insegnamento trasversale dell’Educazione civica, che sviluppa la conoscenza e la comprensione delle strutture e dei profili sociali, economici, giuridici, civici e ambientali della società, con avvio di iniziative di sensibilizzazione alla cittadinanza responsabile fin dalla scuola dell’infanzia.

Orario (art. 2, co. 3)
Per ciascun anno di corso, l’orario non può essere inferiore a 33 ore annue, da svolgersi nell’ambito del monte ore obbligatorio previsto dagli ordinamenti vigenti. Per raggiungere il predetto orario gli istituti scolastici possono avvalersi della quota di autonomia utile per modificare il curricolo.

Docenti (art. 2, co. 4)
Nelle scuole del secondo ciclo, l’insegnamento è affidato ai docenti abilitati all’insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche, ove disponibili nell’ambito dell’organico dell’autonomia (ove non disponibili l’insegnamento è affidato, come per il primo ciclo, ai docenti in contitolarità).

Coordinatore (art. 2, co. 5)
Per ciascuna classe è individuato, tra i docenti impegnati nell’insegnamento dell’Educazione civica, un docente coordinatore, al quale è affidato il compito di formulare la proposta di voto espresso in decimi, acquisendo elementi conoscitivi dagli altri docenti impegnati nell’insegnamento.

Valutazione (art. 2, co. 6)
L’insegnamento trasversale dell’Educazione civica è oggetto di valutazioni periodiche e finali.

I contenuti delle linee guida – allegate al decreto ministeriale 35 del 22 giugno 2020

Aspetti contenutistici e metodologici
«I nuclei tematici dell’insegnamento, e cioè quei contenuti ritenuti essenziali per realizzare le finalità indicate nella Legge, sono già impliciti negli epistemi delle discipline. […] Si tratta dunque di far emergere elementi latenti negli attuali ordinamenti didattici e di rendere consapevole la loro interconnessione, nel rispetto e in coerenza con i processi di crescita dei bambini e dei ragazzi nei diversi gradi di scuola».

Nuclei tematici
L’insegnamento si sviluppa intorno a tre nuclei tematici:

  • Costituzione, diritto, legalità e solidarietà;
  • sviluppo sostenibile, educazione ambientale, conoscenza e tutela del patrimonio e del territorio;
  • cittadinanza digitale.

Trasversalità e contitolarità dell’insegnamento
Si richiama il carattere della trasversalità nell’insegnamento di Educazione civica e della contitolarità dell’insegnamento e il coordinamento delle attività.

L’allegato C, Integrazioni al Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e di formazione, riporta l’elenco delle conoscenze, abilità e competenze relative all’insegnamento trasversale dell’Educazione civica.

Obiettivi di apprendimento – I. 92/2019

Argomenti principali (art. 3, co. 1)

  1. a) La Costituzione, le istituzioni dello Stato italiano, dell’Unione europea e degli organismi internazionali; storia della bandiera e dell’inno nazionale;
  2. b) l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile;
  3. c) educazione alla cittadinanza digitale;
  4. d) elementi fondamentali del diritto, con particolare riguardo al diritto del lavoro;
  5. e) educazione ambientale, sviluppo ecosostenibile e tutela del patrimonio ambientale, delle identità, delle produzioni e delle eccellenze territoriali e agroalimentari;
  6. f) educazione alla legalità e al contrasto delle mafie;
  7. g) educazione al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio culturale e dei beni pubblici comuni;
  8. h) formazione di base in materia di protezione civile.

Sono altresì promosse (art. 3, co. 2):

  1. i) l’educazione stradale;
  2. l) l’educazione alla salute e al benessere;
  3. m) l’educazione al volontariato e alla cittadinanza attiva.

Territorio e cittadinanza attiva (art. 4)
Al fine di promuovere la conoscenza del pluralismo istituzionale sono adottate iniziative per lo studio degli statuti delle Regioni. Al fine di promuovere la cittadinanza attiva, possono essere avviate iniziative per lo studio dei diritti e degli istituti di partecipazione a livello statale, regionale e locale. 

Educazione alla cittadinanza digitale (art. 5)

  1. credibilità e affidabilità delle fonti di dati, informazioni e contenuti digitali;
  2. individuare le forme di comunicazione digitali appropriate per ogni contesto;
  3. informarsi e partecipare al dibattito pubblico attraverso l’utilizzo di servizi digitali;
  4. le norme comportamentali nell’utilizzo delle tecnologie digitali;
  5. creare e gestire l’identità digitale, proteggere la propria reputazione, gestire e tutelare i dati;
  6. politiche sulla tutela della riservatezza dei dati applicate dai servizi digitali;
  7. i pericoli degli ambienti digitali: rischi per la salute e minacce al proprio benessere fisico e psicologico; inclusione sociale, con particolare attenzione ai comportamenti di bullismo e cyberbullismo.

Esperienze extrascolastiche (art. 8)
L’insegnamento trasversale di Educazione civica è integrato con esperienze extra-scolastiche, a partire dalla costituzione di reti anche di durata pluriennale con altri soggetti istituzionali, con il mondo del volontariato e del Terzo settore, con particolare riguardo a quelli impegnati nella promozione della cittadinanza attiva.

I Comuni possono promuovere ulteriori iniziative in collaborazione con le scuole, con particolare riguardo alla conoscenza del funzionamento delle amministrazioni locali e dei loro organi, alla conoscenza storica del territorio e alla fruizione stabile di spazi verdi e spazi culturali.

Spunti per una lezione – Secondaria di 1° grado

Uguaglianza di genere

Ti proponiamo un percorso specificamente incentrato sull’Educazione civica per toccare un tema cruciale nella formazione dei cittadini del XXI secolo: la questione dell’uguaglianza di genere e delle pari opportunità tra uomini e donne nell’accesso all’istruzione, ai diritti civili e alle libertà sociali, al lavoro.

La lezione può essere introdotta citando l’articolo 3 della Costituzione italiana e mostrando agli studenti linfografica del World Economic Forum sulla disuguaglianza di genere (gender gap), che aiuta a trarre conclusioni sulla situazione italiana rispetto agli altri paesi dell’Europa e del mondo.

Scopri di più su HUB Campus

Spunti per una lezione – Secondaria di 2° grado

Diventare cittadini

Ti proponiamo il video Le istituzioni della Repubblica italiana, che fa parte del percorso Diventare Cittadini.

Il video spiega perché è importante conoscere quali sono le istituzioni della Repubblica italiana. Per comprendere che cos’è lo Stato, al di là dell’idea generica che spesso abbiamo in mente, è necessario leggere la Costituzione e studiare in che modo essa disciplina i rapporti tra le istituzioni e gli organi statali e i cittadini.

L’Educazione civica è una disciplina trasversale che ha come obiettivo il saper essere cittadini, le conoscenze sono solo il mezzo attraverso cui arrivarci.

Scopri di più su HUB Campus 

 

La Costituzione italiana: passato, presente e futuro

La Costituzione, pilastro normativo che regola la vita della nostra società, entra in vigore il primo gennaio 1948 nella neonata Repubblica italiana. Nonostante abbia ormai più di 70 anni, si dimostra sempre molto attuale, complessa e utile per riflettere sulle questioni della contemporaneità. Per approfondire questo tema, i contenuti multimediali sono molteplici ed eterogenei, dal filmato dell’Istituto Luce in cui il presidente della Repubblica Enrico De Nicola firma la Costituzione a quello in cui Roberto Benigni commenta con passione i 12 principi fondamentali della Costituzione “più bella del mondo”.

Scopri di più su HUB Campus

I giovani e la Costituzione

Il 26 gennaio 1955 Piero Calamandrei si rivolse ai giovani per spiegare il valore simbolico della Costituzione italiana, la sua genesi, ma soprattutto l’eredità civile che l’Assemblea costituente ha lasciato ai giovani, di allora e di oggi. Gli spunti di riflessione offerti da Calamandrei sono molti e del tutto attuali, per vivere la Costituzione come qualcosa di vivo, in cui rispecchiare la nostra coscienza civica.

Scopri di più su HUB Campus

Dai nostri libri – Secondaria di 2° grado

L’insegnamento dell’Educazione Civica ha come grande obiettivo quello di stimolare un atteggiamento di conoscenza e cura di tutti gli ambiti del vivere e dell’essere cittadini già oggi, a scuola, in famiglia, in città, sul Pianeta. Il suo campo d’azione è ampio e trasversale. Ecco perché in questa sezione troverai materiali e contenuti tratti dai nostri LIBRI per coinvolgere la classe in laboratori individuali e di gruppo che possono rappresentare una preziosa occasione di confronto e crescita delle competenze.

 

Riflettere sul tema dei profughi, di ieri e di oggi

STORIA triennio / da Una storia per riflettere 

Il REPORTAGE di Francesca Mannocchi (giornalista, inviata di guerra e scrittrice) tratta, fra gli altri argomenti, dello Yemen, il Paese che ha vissuto dopo il 2015 la più grave crisi umanitaria al mondo. L’attività pluridisciplinare parte dalla fotografia del campo profughi a Khamer per riflettere e creare tutte le possibili connessioni tematiche

Scarica le pagine di inquadramento e dell’attività
Attività
 

 

Riflettere sulla Costituzione italiana in relazione alla cultura greca

GRECO / da  Il nuovo greco di Campanini

Dalla rivolta ionica, quali sono state le tappe significative di rivendicazione delle libertà individuali? Un laboratorio multidisciplinare, a partire dal concetto di “libertà” nella cultura greca, approfondisce il tema e invita a riflettere sulle libertà fondamentali sancite nella nostra Costituzione.

Scarica le pagine dell’attività: Dalla Grecia a oggi: libertà e rivoluzioni

 

Riflettere sul tema della Cittadinanza attiva

EDUCAZIONE  CIVICA / da Cittadine e cittadine

Per aiutare i ragazzi a diventare cittadini consapevoli e attivi, scopri il laboratorio delle competenze che propone attività da svolgere singolarmente e in gruppo.

Scarica le pagine dell’attività: Laboratorio delle competenze  

 

———————————————————————————————————————————————–

 

La Costituzione è la fonte normativa più importante del nostro ordinamento e di conseguenza tutte le altre fonti del diritto devono rispettarne i princìpi. All’interno della Costituzione sono descritti i princìpi fondamentali che regolano la vita dei cittadini, i diritti, i doveri, le libertà, oltre alla struttura e al funzionamento degli organi più importanti dello Stato.

Quando nasce l’attuale Costituzione Italiana? Dobbiamo tornare al 2 giugno 1946: con il risultato del referendum l’Italia diventa una Repubblica e all’Assemblea Costituente eletta viene affidato il compito di elaborare una nuova Costituzione.

L’Assemblea nomina la “Commissione dei 75”: 75 deputati di diversa appartenenza politica presentano un progetto di Costituzione che viene discusso, modificato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale per entrare in vigore il 1° gennaio 1948. Nel tempo, il testo costituzionale è stato modificato per adeguarlo alla nuova realtà sociale e politica, ma la numerazione degli articoli è rimasta invariata.

Oggi come allora conoscere la Costituzione e riflettere sui principi ispiratori che hanno guidato i Padri costituenti ci guida verso una piena consapevolezza dell’essere cittadini.

 

I principi fondamentali che reggono la nostra Repubblica

EDUCAZIONE CIVICA / da La nuova educazione civica

La Costituzione è distinta in due parti: Diritti e doveri dei cittadini e Ordinamento della Repubblica, precedute dai Princìpi fondamentali e seguite dalle Disposizioni transitorie e finali. Nei Princìpi fondamentali (artt. 1-12) sono contenuti i princìpi ispiratori della Carta costituzionale: i diritti inviolabili, la sovranità popolare, il ripudio della guerra, il diritto di uguaglianza, il solidarismo.

Scarica l’approfondimento

I diritti civili: le libertà individuali

EDUCAZIONE CIVICA / da La nuova educazione civica

Gli artt. dal 13 al 28 della Costituzione disciplinano i diritti di libertà di cui i cittadini godono sia in quanti individui (diritti individuali), sia in quanto singoli facenti parte di una collettività (diritti collettivi). Sono i diritti che garantiscono alla persona una sfera di azione libera dall’ingerenza dello Stato e costituiscono la base su cui appoggia una moderna democrazia.

Scarica l’approfondimento

I diritti civili: le libertà collettive

EDUCAZIONE CIVICA / da La nuova educazione civica

La nostra vita è caratterizzata da numerose relazioni sociali, attraverso le quali esprimiamo la nostra personalità: a scuola con i compagni, in ufficio con i colleghi, a casa con gli amici e così via. La Costituzione prevede una tutela delle libertà collettive, esercitabili da parte di gruppi di persone, come per esempio l’art. 17 che garantisce la libertà di riunione, in qualsiasi luogo e per il motivo che preferiamo, purché pacifico, con l’unico divieto di non portare armi.

Scarica l’approfondimento

Insieme ad Amnesty International – Primaria, secondaria di 1° grado, secondaria di 2° grado

La Costituzione rappresenta il fondamento della convivenza e del patto sociale di un Paese e i nostri comportamenti come singoli e come collettività devono essere coerenti con quanto in essa stabilito. Per Amnesty International, Educazione Civica coincide con Educazione ai Diritti Umani con l’obiettivo di fornire ad alunne/i le competenze necessarie per diventare attenti esploratori del mondo che li circonda e pronti a una partecipazione attiva nella società.

In collaborazione con Amnesty International – da 60 anni il più grande movimento mondiale per la difesa dei diritti umani – ti proponiamo spunti per lezioni pensate per coinvolgere le classi attraverso attività partecipativeCon l’obiettivo di stimolare alunne/i a collaborare tra loro, confrontarsi sui differenti punti di vista, sentirsi responsabili delle proprie idee e azioni, battersi per un mondo migliore.

 

LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI

Educazione ai diritti umani significa:

  • educare SUI diritti umani, facilitando l’accesso alla conoscenza e alla comprensione delle norme e dei principi relativi ai diritti umani, dei valori che sono alla loro base e dei meccanismi per la loro tutela;
  • educare ATTRAVERSO i diritti umani, prevedendo l’apprendimento e l’insegnamento in una modalità che rispetti sia i diritti dell’educatore che quelli di chi apprende;
  • educare PER i diritti umani, fornendo alle persone gli strumenti necessari per godere ed esercitare i propri diritti, nonché per rispettare e difendere i diritti degli altri.

Per la scuola primaria

Tra i materiali forniti, il testo in forma semplificata per bambine/i della ‘Dichiarazione universale dei diritti umani’ e un video di animazione che illustra in forma integrale i trenta articoli contenuti in questo fondamentale documento. A beneficio dell’insegnante, un opuscolo informativo sulla storia e la struttura della Dichiarazione.

Scopri di più su HUB Campus

Per la scuola secondaria di secondo grado

Il testo integrale e in forma semplificata della ‘Dichiarazione universale dei diritti umani’; un video di animazione che illustra i trenta articoli della Dichiarazione e il breve filmato “Che cosa sono i diritti umani”.

Scopri di più su HUB Campus

 

HATE SPEECH: LE PAROLE DELL’ODIO

Parole e discorsi di odio sono diventati molto frequenti, soprattutto per la loro diffusione sui social media, e influenzano in modo significativo le esperienze e i comportamenti delle nuove generazioni, fin da piccoli. È importante quindi interrogarsi sul linguaggio, sul peso e sul valore delle parole, che possono ferire, ma anche incoraggiare, dare sostegno. Ti proponiamo percorsi didattici che hanno lo scopo di facilitare questa riflessione.

Per la scuola primaria

Il percorso si compone di due unità. Nella prima, “Le parole che feriscono”, ogni bambina/o è spinta/o a riconoscere la propria “unicità” e quella degli altri e a imparare a sostituire le parole che feriscono con quelle che accolgono.

Nella seconda, “Conflitto e dialogo”, attività coinvolgenti fanno apprezzare a bambine/i il valore del dialogo e della cooperazione per superare i conflitti. La proposta educativa è completata da due strumenti di informazione e formazione per il docente: il manuale “Hate speech. Conoscerlo e contrastarlo. Guida breve per combattere i discorsi d’odio online e la scheda informativa “Hate speech: definizione e dati.

Vai su HUB Campus

Per la scuola secondaria di primo grado

Il percorso comprende differenti materiali e attività da combinare con flessibilità. Si può cominciare con “I diritti e le parole” che propone una riflessione sul rapporto tra libertà di opinione e libertà di espressione e quando questa sconfina nell’offesa e nel discorso d’odio. Già in questa attività si introduce il tema del bullismo a scuola, che può essere ulteriormente approfondito con le attività “Ragazze vittime di bullismo”  e “Da spettatore a soccorritore”.

L’attività “Parole e migrazioni”, invece, tratta del discorso d’odio legato all’intolleranza su base etnica. La proposta educativa è completata da due strumenti di informazione e formazione per il docente: il manuale “Hate speech. Conoscerlo e contrastarlo. Guida breve per combattere i discorsi d’odio online e la scheda informativa “Hate speech: definizione e dati”.

Vai su HUB Campus

Per la scuola secondaria di secondo grado

Il percorso propone differenti materiali e attività, compresa una ricca proposta di video. Si può avviare la discussione con le attività “Il potere delle parole” e “Abbiamo alternative?per ragionare sulle implicazioni dell’uso di un certo tipo di linguaggio.

Con i due manuali “Hate speech. Conoscerlo e contrastarlo. Guida breve per combattere i discorsi d’odio online” e “Write the change! Sviluppare narrazioni alternative nel lavoro con i giovani la riflessione si allarga alla società in generale, dove i discorsi d’odio sembrano caratterizzare sempre più il panorama comunicativo.

Tutte queste attività possono essere arricchite con uno o più filmati tra quelli proposti: dai sei brevi video legati all’iniziativa “Il barometro dell’odio”, alle testimonianze dei componenti della“Task force Hate speech”; dal webinar “Covid19: l’hate speech e la diffusione di notizie false” all’intervento di Martina Chichi (AI Italia) “Conoscere e contrastare l’Hate speech”.

Vai su HUB Campus

Il calendario della storia – Secondaria di 2° grado

Ci sono date che hanno segnato una svolta decisiva nella storia dell’umanità e, più da vicino,  del nostro Paese. Conoscerle e celebrarle vuol dire non solo ripercorrere tappe fondamentali della nostra storia, ma anche capire quello che siamo oggi e come lo siamo diventati. Tornando indietro nel tempo ricostruiamo la nostra identità personale e collettiva e ricordiamo l’importanza di valori condivisi che provengono da un passato comune.

Vi proponiamo alcune tra le ricorrenze che permettono di trattare i grandi temi del nostro passato/presente/futuro con un approccio attivo e partecipativo da parte di studentesse/studenti.

 

17 marzo

STORIA / da Dal tempo alla Storia

Il 17 marzo 1861 veniva proclamato a Torino il Regno d’Italia e il 17 marzo è quindi l’anniversario dell’Unità d’Italia. Questa data è stata celebrata solennemente nel 1911, 1961 e 2011 e oggi rimane un’occasione per riflettere insieme sull’importanza dell’unità nazionale e dei suoi simboli, come l’inno.

Scarica l’approfondimento

 

25 aprile

STORIA / da Dal tempo alla Storia

Il 25 aprile 1945 segna la Liberazione dal nazifascismo e, al tempo stesso, il punto di partenza del processo di costruzione della democrazia italiana. Spunti di riflessione, letture, film aiutano a ricostruire in classe il significato della Resistenza e di valori come libertà, giustizia e democrazia.

Scarica l’approfondimento

 

1° maggio

STORIA / da Dal tempo alla Storia

Il 1° maggio 1886 a Chicago -uno dei maggiori poli industriali degli Stati Uniti- veniva indetto un grande sciopero per ottenere orari di lavoro più sopportabili rispetto ai durissimi turni in fabbrica di 12,14 e 16 ore. Dal 1889 il Primo Maggio è la Festa del lavoro e rappresenta ogni anno un appuntamento per fare il punto su un tema molto presente nella Costituzione Italiana.

Scarica l’approfondimento

 

2 giugno

STORIA / da Dal tempo alla Storia

Il 2 giugno si celebra la Festa della Repubblica italiana perché, proprio tra il 2 e il 3 giugno 1946, si tenne il referendum con cui gli italiani scelsero di far diventare l’Italia una Repubblica costituzionale, abolendo la monarchia. Una giornata celebrata con grandi iniziative e cerimonie ufficiali per riaffermare l’identità della nostra nazione in continua trasformazione.

Scarica l’approfondimento