Cittadinanza globale

Obiettivo 15: flora e fauna terrestre

Uomo ed ecosistema

Un ecosistema è tanto più ricco quanto più è sana la varietà di specie che lo abitano. Come tutti gli altri esseri viventi, anche l’uomo è inserito nel complesso meccanismo di materia e flusso che assicura il funzionamento degli ecosistemi naturali. Il prelievo di beni naturali e l’intervento sui cicli biologici hanno favorito un netto miglioramento delle condizioni di vita degli individui, ma l’eccessivo sfruttamento delle risorse ha messo in crisi molti ecosistemi arrivando a creare condizioni di incompatibilità naturale causata da eccessiva produzione di rifiuti, sversamento di sostanze nocive nell’ambiente, erosione del suolo e distruzione di ambienti naturali.

Deforestazione e desertificazione

Una delle attività umane che generano maggiori danni all’ambiente è la deforestazione. Questo tipo di sfruttamento delle risorse può avere impatti negativi sia sul regno vegetale sia su quello animale. Le foreste rappresentano una risorsa importantissima per la Terra. Secondo i dati dell’Agenda 2030, esse coprono circa il 30% della superficie terrestre e, oltre a offrire cibo e riparo, sono essenziali per il contrasto ai mutamenti climatici e la protezione della biodiversità. Ogni anno perdiamo 13 milioni di ettari di foreste. La conseguenza più immediata di questo fenomeno è che i terreni, non essendo più protetti da radici e alberi, sono maggiormente esposti all’erosione delle piogge e alle alterazioni atmosferiche. A partire dal 2008, il deterioramento del suolo ha causato un impatto negativo sulle condizioni di vita di 1,5 miliardi di persone a livello globale.

La tutela della biodiversità e i nuovi traguardi

Proteggere la biodiversità è possibile, come dimostrano gli effetti degli investimenti fatti nei Paesi che hanno firmato la Convenzione di Rio: tra il 1996 e il 2008, infatti, il tasso di perdita delle specie è calato del 29%. L’Agenda, per i traguardi specifici dell’obiettivo 15, riporta che entro il 2030 i Paesi sottoscrittori devono impegnarsi non solo nella conservazione di tutti gli ecosistemi, ma anche nello sviluppo di strategie efficaci per ridurre il degrado degli ambienti naturali e proteggere le specie a rischio di estinzione. Per sensibilizzare le collettività e gli organismi governativi, occorrerà integrare i principi di ecosistema e biodiversità nei progetti nazionali e locali e nei processi di sviluppo. Ai Paesi in via di sviluppo, inoltre, saranno forniti incentivi adeguati perché possano migliorare il processo di conservazione e riforestazione.

LABORATORIO

Come si possono gestire responsabilmente le risorse garantendo allo stesso tempo la sicurezza alimentare e la conservazione dei servizi ecosistemici? Le scelte che operiamo come consumatori e le strategie produttive adottate nel settore agricolo, quando gestite correttamente, possono diventare elementi chiave per la conservazione del suolo e della biodiversità.
• Il suolo è una risorsa rinnovabile?
• Che cosa sono i servizi ecosistemici e quali sono le loro funzioni?
• In quali Paesi non vi è più spazio per un’espansione del territorio coltivabile?

COMPITO DI REALTÀ

Lavorate, suddivisi in gruppi, alla creazione di una campagna che promuova alcune buone pratiche per proteggere il suolo e la biodiversità.
1. Dopo un breve confronto sui traguardi dell’obiettivo 15 dell’Agenda 2030, sviluppate per ogni espressione-chiave un focus che vi servirà come canovaccio per la prima parte del vostro messaggio:
– gestione del territorio;
– gestione del suolo;
– servizi ecosistemici.
2. Reperite informazioni sui principali progetti nazionali e locali in corso per la salvaguardia del territorio. Scegliete due buoni esempi di azioni per il mantenimento del suolo e raccontate, passo per passo, le varie fasi di un programma sostenibile ed efficace.
3. Organizzate in classe una presentazione del lavoro.
4. Avviate un momento di dibattito sulle buone pratiche quotidiane per conservare il suolo e proteggerlo dai rischi delle attività umane e dagli agenti atmosferici: quali tecniche di produzione non invasive si possono adottare? Le nostre scelte alimentari possono contribuire al mantenimento del suolo? Che impatto ha la raccolta differenziata sul suolo? Quali sono le colture che mantengono la fertilità del suolo?

Il nostro video