Florence Nightingale, un’infermiera britannica vissuta nel XIX secolo, è giustamente nota per l’impegno dedicato al miglioramento delle condizioni sanitarie dei soldati al fronte. In pochi sanno, tuttavia, che la Nightingale fu una pioniera anche in un altro campo: quello della visualizzazione dei dati. Si era infatti resa conto dell’enorme potenziale dei grafici, che veicolano grandi quantità di informazioni in modo semplice e immediato. Oggi, la rappresentazione grafica di dati numerici è largamente utilizzata in molti contesti: basta sfogliare un quotidiano o fare una ricerca in Internet per rendersi conto di quanto è diffuso l’utilizzo di grafici, diagrammi, infografiche. Requisito essenziale per il cittadino moderno è quindi quello di saper leggere e, se possibile, realizzare questo tipo di rappresentazioni.

Obiettivi

L’attività permetterà allo studente di sviluppare le seguenti competenze chiave:

competenza matematica;
• competenze digitali;
• imparare a imparare;
• competenze sociali e civiche.

Il progetto

Gli studenti saranno guidati nella raccolta, nell’elaborazione e nella rappresentazione grafica di una piccola tabella di dati numerici.

Percorsi pluridisciplinari

L’attività può essere organizzata dal solo docente di scienze, oppure in collaborazione con il docente di tecnologia; è consigliabile fare un collegamento con il programma di matematica.

I dati sono alla base di ogni ricerca sperimentale: saperli raccogliere, analizzare e rappresentare graficamente è quindi una competenza essenziale per ogni scienziato. Nel corso di questa attività, tu e i tuoi compagni agirete come un vero gruppo di ricerca, imparando a lavorare con un piccolo numero di dati e realizzando un grafico che li rappresenti. Alla fine dell’attività avrai raccolto una serie di dati, li avrai ordinati all’interno di un foglio di calcolo e ne avrai ricavato un grafico. La capacità di leggere e realizzare grafici e tabelle di dati si rivelerà molto importante nel corso della tua carriera scolastica e non solo. Se è opportuno, potresti inserire alcuni grafici realizzati da te nella presentazione che porterai al colloquio dell’esame di Stato.

Fase 1 – Introduzione e divisione in gruppi

Nel corso dell’attività imparerai a raccogliere e analizzare dati, una capacità essenziale per qualsiasi scienziato. In questo caso specifico, i dati riguardano la temperatura ambientale  registrata fuori dalla tua scuola. Prima di iniziare, dovrete procurarvi un termometro da esterni: lasciatelo sul davanzale della classe, meglio se in una posizione ombreggiata e non direttamente esposto al sole. Il docente dividerà la classe in tre gruppi. Per un mese, ogni gruppo dovrà rilevare e registrare la temperatura esterna una volta al giorno: il gruppo A effettuerà le proprie misurazioni alle ore 8:00, prima di iniziare le lezioni; il gruppo B alle ore 11:00, e il gruppo C alle ore 13:00.

Fase 2 – Raccolta dati

Ogni gruppo dovrà registrare quotidianamente la temperatura indicata dal termometro, cercando di prenderla ogni giorno esattamente alla stessa ora e di essere il più preciso possibile. I valori della temperatura rilevati andranno inseriti in un foglio di calcolo, così da poterci lavorare più facilmente in seguito: mettete la data in una colonna e la temperatura registrata in quella adiacente, come nell’esempio riportato qui a fianco.

Fase 3 – Analisi dei dati

Al termine della raccolta dei dati, tu e il tuo gruppo dovrete fare una breve analisi. Rispondete sul quaderno alle seguenti domande:

Qual è la temperatura massima che avete registrato?
Qual è la minima?
In che giorno avete registrato la temperatura più elevata?
In quale la più bassa?
Qual è la media delle temperature registrate?

Potete fare queste semplici operazioni direttamente sul quaderno, oppure potete utilizzare le funzioni del foglio di calcolo.

Fase 4 – Costruzione del grafico

I dati raccolti andranno rappresentati per mezzo di un diagramma a linee, un tipo di grafico che mostra l’andamento di un fenomeno nel tempo. Sull’asse X va indicata la scala temporale (i giorni del mese) e sull’asse Y la temperatura: posizionando un punto per ogni valore registrato e unendo tutti i punti, si ottiene una linea continua che rappresenta l’andamento della temperatura. Sperimentate i diversi modelli, i colori e tutte le opzioni che avete a vostra disposizione per ottenere il grafico che desiderate. Controllate che siano evidenti la temperatura massima e quella minima registrate (rispettivamente, il picco più alto e quello più basso della linea): questi valori concordano con quelli che avete riportato sul vostro quaderno?

Fase 5 – Confronto in classe

A turno, ogni gruppo sceglierà un portavoce che illustri alla classe il grafico realizzato. Al termine di ogni esposizione ci sarà un breve momento di confronto, dove ti sarà chiesto di esprimere la tua opinione. Che cosa ne pensi del grafico realizzato dai tuoi compagni? Funziona, o c’è qualcosa che miglioreresti? Sii rispettoso del lavoro altrui, ma non esitare a guardare tutto con occhio critico!