Leggere l'arte intorno a noi

Le innovazioni costruttive dei Romani

Tecniche, materiali, urbanistica

I Romani seppero assimilare dai numerosi popoli con i quali vennero in contatto una notevole varietà di tecniche costruttive, che classificarono, imitarono e innovarono, facendone lo strumento con il quale unificare e organizzare, dal punto di vista urbanistico e costruttivo, l’immenso impero che vennero creando nel corso di circa sei secoli.

Soprattutto l’invenzione del calcestruzzo e dell’arco, con i diversi tipi di volta a cui ha dato origine, hanno caratterizzato, in termini di unicità, l’edilizia romana.

L’esempio forse più emblematico dell’uso funzionale e sociale dell’architettura in ambito romano è la domus, la residenza che unisce e integra funzione privata, residenziale, e funzione pubblica e politica.

Tecniche costruttive dei Romani

I Romani svilupparono due fondamentali innovazioni, capaci di rivoluzionare il modo stesso di concepire un’architettura: l’uso sistematico dell’arco e delle coperture a volta e un nuovo materiale da costruzione, il calcestruzzo.

Il basso costo del nuovo materiale da costruzione, più leggero e duttile della pietra, unito alla maggiore portata di carico dell’arco e della volta, ha permesso la realizzazione di edifici e infrastrutture (ponti, acquedotti) di dimensioni imponenti in tempi di realizzazione abbreviati.

 

 

La domus: una casa molto frequentata

La domus è l’abitazione urbana della famiglia patrizia e nel corso dei secoli si è modificata per assolvere alle molteplici funzioni, che la vita e lo status sociale del proprietario richiedeva: ambienti per il commercio, stanze e sale di rappresentanza, spazi per la familia, vani di servizio, giardini si articolavano in una successione organica, invisibile all’esterno, che creava uno spazio ricco e complesso, spesso abbellito da pitture e mosaici, e reso confortevole da raffinata mobilia.

 

L’arte romana arcaica e repubblicana

Riuscire a sintetizzare, una volta studiato un capitolo, è sempre difficile e lo studente, soprattutto in caso di argomenti molto estesi e trattazioni ampie, può aver bisogno di un aiuto a raccogliere le idee e, nel caso della storia dell’arte, a collegare i concetti fondamentali alle opere che meglio li esemplificano. Ecco una rubrica che permette allo studente di non perdere la rotta.

Articoli correlati