Rivista Secondaria di secondo grado Coding Informatica Informatica News

Primi passi con Visual Studio

di Emanuele Bottazzi
Speciale Coding

Secondaria di 2° grado - Informatica

Cara lettrice, caro lettore,
qual è il tuo stile di programmazione? Sei un’affezionata della linea di comando o stravedi per la programmazione a blocchi? Padroneggi a fondo un unico linguaggio o ogni anno ne impari uno nuovo? Qualsiasi sia il tuo stile, probabilmente avrai già sentito parlare di ambienti di sviluppo. Si tratta di software che aiutano nella programmazione riunendo diverse funzioni (scrittura, compilazione, debug…) in un unico programma. Alcuni ambienti di sviluppo, come Java Development Kit, sono dedicati a un unico linguaggio, in questo caso Java. Invece altri ne supportano diversi. In questo articolo ti parlerò di Visual Studio, che appartiene alla seconda categoria.

Primi passi con Visual Studio

Visual Studio è un ambiente di sviluppo multilinguaggio: permette di sviluppare per esempio in C++, C#, Python, e altri linguaggi del framework .NET. Inoltre include integrazioni per lavorare con altre piattaforme: per esempio Xamarin, per lo sviluppo di app per Android e iOS, e Unity, per lo sviluppo di videogiochi. Permette anche di realizzare pagine HTML con supporto per CSS e JavaScript. È disponibile in una versione gratuita, chiamata Community, e in due versioni a pagamento con funzionalità avanzate per le aziende.
Dopo aver scaricato il programma base, è necessario scegliere quali componenti aggiuntive installare. Queste dipendono dal linguaggio di programmazione scelto e dal tipo di applicazioni che si vogliono sviluppare.

Le funzionalità di base

Visual Studio permette di creare programmi di moltissimi tipi diversi. È possibile realizzarne con interfaccia a riga di comando, come in ambienti di sviluppo più essenziali, oppure costruire interfacce visuali per Windows o per altre piattaforme. Visual Studio è anche integrato con GitHub: questa funzionalità è molto utile per muovere i primi passi con un nuovo linguaggio di programmazione senza dovere per forza partire da zero: è sufficiente scaricare un progetto esistente dal cloud e iniziare a modificarlo.
Forse la funzione più importante di questo ambiente è di permettere il riutilizzo del codice su più applicazioni, siano esse a riga di comando o a interfaccia grafica. In altre parole, una volta scritto il codice di un programma tradizionale, è possibile riutilizzarlo per realizzare una app per Android e viceversa.

Alcune funzionalità avanzate

Visual Studio offre molte altre funzionalità avanzate: per esempio unit test, ottimizzazione del codice, integrazione con Microsoft Store per il rilascio dei programmi, sviluppo di applicazioni cloud, creazione e manipolazione di database. Qualsiasi sia il tuo stile, in Visual Studio troverai sicuramente delle funzionalità che fanno al caso tuo.

Per approfondire

Nel webinar di Valentina Falucca e Pietro Palladino è spiegato come installare Visual Studio e realizzare una prima applicazione con interfaccia grafica: https://www.rizzolieducation.it/webinar/finalmente-interfaccia-grafica/

L’ultima versione di Visual Studio si può scaricare dalla pagina ufficiale Microsoft https://visualstudio.microsoft.com/it/

Articoli correlati