Eventi Primaria

10 Marzo 2022 - 1 ora

Un poeta tra i banchi della scuola primaria: Rime alfabete, di Bruno Tognolini

Primaria Live

con  Annamaria Benzi, Bruno Tognolini, Gloria Ragni

Rivolto alle/agli insegnanti della scuola primaria

L’evento fa parte di Primaria Live, il format ideato da Fabbri Editori ed Edizioni Centro Studi Erickson.

Intervento

Per la prima volta un corso per il primo ciclo della scuola primaria prevede la possibilità di far scuola in maniera davvero diversa!

In Contastorie, la novità Fabbri–Erickson 2022, ci sono Numeri in festa, di Lodovica Cima con le illustrazioni di Annalaura Cantone e Rime alfabete, di Bruno Tognolini con le illustrazioni di Sara Vivan. Scritti proprio per Fabbri–Erickson e soprattutto per tutte le bambine e i bambini.

Rime alfabete si aggiunge alla tradizione dei grandi alfabetieri d’autore, è l’alfabetiere del poeta filastrocchiere! Bruno Tognolini ha scritto delle filastrocche sulle lettere dell’alfabeto, magistralmente illustrate da Sara Vivan, che arriveranno direttamente nelle classi, che saranno a disposizione per tutte le bambine e i bambini.

Bambine e bambini prima potranno ascoltare le filastrocche dalla voce di maestre e maestri, poi potranno leggerle da soli, poi, crescendo, avranno un gioiello prezioso da conservare in libreria.

Parliamo di Rime alfabete con Bruno Tognolini e poi parliamo ancora con Annamaria Benzi, autrice di Contastorie, di quanto si possano usare le filastrocche per motivare, coinvolgere, rispettare e attivare diversi stili di apprendimento.

Relatori

Annamaria Benzi è insegnante di scuola primaria in ruolo dal 1983. Ha partecipato dal 2009 al 2011 a un progetto di Ricerca-Azione all’interno di un dottorato di ricerca sulla valutazione dei processi dei sistemi educativi in collaborazione con l’Università di Genova. Ha collaborato all’attuazione di un progetto di gemellaggio e scambio di buone pratiche, coordinato dall’Official English/Italian Educational Exchange, con il Lincolnshire County Council.

Bruno Tognolini è nato a Cagliari nel 1951. Da bambino gli piaceva leggere e costruirsi i giocattoli con legnetti, chiodini e spago. Ha cominciato a scrivere quando ha capito, da lettore, che le storie erano come quei giocattoli: poteva costruirsele da sé. E così è diventato scrittore per bambini, a quarant’anni, ma neanche lui sa bene perché: per caso, per raccontare storie alla figlia Angela, perché così poteva scrivere in rima… chissà. Ha scritto libri, dal 1992 una cinquantina, ha scritto testi per l’Albero Azzurro e la Melevisione, teatro e canzoni, videogiochi e Rime d’Occasione per chi gliele chiedeva. Ha vinto anche due Premi Andersen e ne è contento; il suo ultimo romanzo, IL GIARDINO DEI MUSI ETERNI, è Libro dell’Anno a Fahrenheit Radio Tre (prima volta di un libro per ragazzi), finalista del Premio Strega Ragazzi, e vincitore del Premio LiBeR Miglior Libro 2017, e ne è ancora più contento: però è sempre lì chino sui suoi legnetti e spaghi di parole, perché la storia e la poesia più bella, ne è convinto, la deve ancora costruire.

Gloria RagniInsegnante di scuola primaria presso l’Istituto Santa Maria degli Angeli di Brescia, @maestraglo.